Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Il Clic Sicuro e la patata lessa

Com’era quella pubblicità? C’era Mago Merlino che – alla ricerca del caffè decaffeinato – scopriva invece la patata lessa. Ecco, il “Clic sicuro” per difendere bambini e ragazzi dagli orchi in rete, ricorda molto la patata lessa. Nel senso che è giusto e doveroso proteggere infanzia e adolescenza dal Dirty web, ma i genitori hanno già a disposizione strumenti adeguati, facili e gratuiti. Non c’è alcun bisogno di Grandi Muraglie governative. Si comincia con la censura – giusta – nei confronti dei siti pornografici e poi si può finire ai filtri cinesi, iraniani, cubani e via discorrendo…   

Pollicino e l'orco (illustrazione di Valerio Villani)

Ci sono già organismi internazionali indipendenti, non governativi, che fanno questo lavoro. L’ICRA (Internet Content Rating Association), ad esempio. Il filtro ICRA 3 è parte integrante del browser più diffuso al mondo, Internet Explorer. Ogni genitore può impostarlo per rendere impossibile l’accesso alle pagine internet che contengono pericoli per i più piccoli. L’ICRA aggiorna quotidianamente l’elenco dei siti brutti, sporchi e cattivi.  Certo, non c’è l’sms che fa suonare l’allarme, ma questa fregola poliziesca rischia di fare più danni che benefici.

Dal menu Strumenti di Internet Explorer si accede al Controllo Genitori
Dal menu Strumenti di Internet Explorer si accede al Controllo Genitori (cliccare per ingrandire)

 

Il menu successivo propone il settaggio del filtro ICRA 3

Il menu successivo propone il settaggio del filtro ICRA 3 (cliccare per ingrandire)

Il problema, semmai, è un altro. Internet, scienza e tecnologia, vanno studiati a scuola, fin dalla prima infanzia. Devono diventare materia normale. I bambini vanno educati all’uso corretto, consapevole, intelligente degli strumenti digitali. Come una volta si faceva con l’educazione civica, come si dovrebbe fare con l’educazione sessuale. Come si fa (ancora per qualche giorno?) con la geografia. Se solitamente si passa con il rosso, non si deve insegnare ai bambini ad attraversare con il verde. Prima o poi qualcuno ci resta secco.

Insomma, in rete ci sono gli orchi e ci si deve difendere, ma ci sono anche gli elfi, i bravi ragazzi e tante cose buone. Allora, per cominciare, i genitori vadano a settare correttamente Internet Explorer e lascino perdere le patate lesse.

Grazie a Valerio Villani per la splendida illustrazione.


Twitter: @pinobruno

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
febbraio: 2010
L M M G V S D
« Gen   Mar »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728