Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Energia: l’Italia eolica va a gonfie vele ma senza certificati verdi sono a rischio 25mila posti di lavoro

In dieci anni la produzione di energia eolica in Italia è passata da 282,55 a 4844,80 Megawatt. Siamo al terzo posto in Europa, dopo spagnoli e tedeschi, stando ai dati della European  Wind Energy Association (EWEA). La capacità eolica  complessiva europea dal 2009 al 2020 sarà di 230 Gigawatt, e la quota italiana si attesterà  su 11,8 GW. Il trend è ostacolato soprattutto dalla burocrazia. Ci vogliono tre, quattro anni per avere i permessi. Poi, con l’ultima manovra economica, è arrivata anche la doccia fredda della penalizzazione dei certificati verdi.

Il provvedimento prevede che il Gestore dei Servizi Energetici non possa più acquistare i certificati verdi, dice  Luciano Pirazzi, segretario scientifico dell’Associazione Nazionale dell’Energia del Vento. E’ un’iniziativa che contraddice altri decreti. La nuova misura, infatti,  elimina l’unico meccanismo di garanzia del sistema di sostegno alle energie rinnovabili. Se approvata, farà crollare il valore dei certificati verdi con un effetto domino  devastante. Ne risentiranno l’industria dell’eolico, gli investimenti in corso e l’occupazione.  Vuol dire mettere a rischio 25.000 posti di lavoro, attualmente garantiti
in Italia dal mercato eolico e dal suo indotto, e minare uno dei pochi comparti anticiclici che hanno consentito in questo periodo di crisi la crescita dell’occupazione nel nostro paese.

Guardando più lontano  – aggiunge Luciano Pirazzi – diventerà un problema riuscire a soddisfare entro il 2020 gli impegni sottoscritti dall’Italia con Bruxelles per le energie rinnovabili, pena pesanti sanzioni comunitarie.

Infine ci sono i limiti delle infrastrutture. La nostra rete elettrica è insufficiente per assorbire tutta l’energia prodotta con il vento. Dal 2008 in poi ci sono stati casi di modulazione interrotta, quando l’operatore della rete impone il blocco degli impianti eolici per evitare il surriscaldamento. La perdita di produzione provocata da questi arresti forzati del sistema è del dieci per cento. Energia che si getta via. Incredibile ma vero.


Twitter: @pinobruno

Pubblicato da RG

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
giugno: 2010
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930