Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Tsunami: l’Europa cerca ingegneri specializzati nel preallarme

L’Europa cerca ingegneri specializzati nel preallarme Tsunami, “per offrire la massima protezione ai paesi a rischio, e cioè quelli intorno al Mediterraneo e nel nord-est dell’Atlantico”. L’Unione Europea ha investito più di quattro milioni di euro nella ricerca, con il progetto DEWS – Distant early warning system – per sviluppare un sistema con buone capacità di dare allarmi preventivi. Il ricercatore responsabile di DEWS, Andreas Küppers del Centro di ricerca tedesco di geo-scienze Helmohltz-Zentrum Potsdam (GFZ), dice che i primi risultati sono positivi: “i sistemi precedenti avevano bisogno di undici o dodici minuti per rilevare un segnale e localizzare la fonte, adesso si può fare la stessa cosa in quattro minuti.”

Con DEWS l'allarme Tsunami arriva anche via SMS

Il progetto oggi è attivo per rilevare e analizzare episodi sismici nell’Oceano Indiano, valutare velocemente il loro potenziale Tsunami e avvertire i paesi a rischio,  attraverso una rete di rilevatori, sismometri a banda larga, strumenti GPS basati sulla terra e sulla superficie del mare, mareografi e dispositivi di controllo della pressione del fondo dell’oceano.

Previsione di Tsunami con DEWS

I dati generati da questi strumenti vengono indirizzati attraverso satelliti a una stazione centrale a Jakarta, in Indonesia, dove vengono elaborati. Il software SeisComP3, sviluppato dal GFZ, determina rapidamente la magnitudine e la posizione dell’episodio sismico.

Previsione di Tsunami con DEWS

Quando il sistema rileva un terremoto tale da creare uno Tsunami, comincia ad analizzare e crea un modello del rischio. Ci vuole comunque molto tempo, anche con la grande potenza di calcolo messa in campo, per realizzare un modello di tsunami in tempo reale. Per individuare le aree a rischio, dunque, i ricercatori del DEWS usano raccolte di scosse di diverse magnitudini e fonti, associate a simulazioni dettagliate delle onde che potrebbero crearsi sulla costa dell’Oceano Indiano.

Oltre a questa sfida contro il tempo, il DEWS ha dovuto anche fare i conti con la difficoltà di avvertire venti paesi in cui si parlano molte lingue diverse e che spesso non vanno d’accordo dal punto di vista politico.

Ultimo allarme Tsunami

“Il nostro è un sistema multilingue che può distribuire diversi messaggi a persone diverse in lingue diverse,” ha sottolineato il professor Küppers. “È stato persino più difficile, politicamente, riunire tutti gli interessati intorno a un tavolo, ma siamo a buon punto anche per quanto riguarda questi problemi.”

Gli Tsunami del dicembre 2004 in Indonesia e Sri Lanka hanno causato la morte di 230mila persone, quando un segmento di 1.600 chilometri della placca tettonica indiana ha subito una scossa verso il basso al largo delle coste dell’Indonesia, provocando il secondo terremoto più forte mai misurato (9.2 di magnitudine) e onde anomale di 30 metri.

Per l’Italia partecipa al progetto DEWS l’Università di Bologna.


Twitter: @pinobruno

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
giugno: 2010
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930