Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Il suo router è fuorilegge. Concilia? Fanno 150mila euro

Ah l’Italia del sole, del mare, dei giacimenti culturali e delle leggine da azzeccagarbugli che sembrano essere fatte apposta per complicare la vita delle aziende che cercano di tenere in vita l’economia! C’eravamo illusi. La norma che prescrive l’iscrizione a un albo per tutti coloro che vogliono montare router o altri dispositivi di rete, pena sanzioni comprese tra 15mila e 150mila euro, non è mai stata abrogata. A nulla è servita l’ondata d’indignazione seguita all’approvazione del Decreto Legislativo 26 ottobre 2010, n.198. E’ arrivato il governo dei liberalizzatori, dei castigamatti di Ordini e Albi professionali, ma l’ALBO DEGLI INSTALLATORI DI ROUTER E CERTIFICATORI DI RETE INTRANET è vivo e lotta insieme a noi. Un’altra chicca, per i registi dell’Agenda Digitale Italiana.

 

Mi scrive Alessandro Feltrin, esperto di sicurezza informatica: “…credo che una delle ragioni per cui questa legge non sia stata ancora modificata o rimossa sia in buona parte dovuta al fatto che non se ne conosce ancora il suo dannoso contenuto e le verifiche ispettive non sono ancora cominciate”.

Già, Alessandro, ne vedremo delle belle quando gli ispettori busseranno alla porta di migliaia e migliaia di aziende: “Favorisca la sua LAN, per piacere”, manco fosse la patente di guida. “Guardi, la sua LAN ha lo switch scappellato a sinistra. Fanno 150mila euro. Concilia?”.

Con questa norma – scrive ancora Alessandro Feltrin – viene a rendersi obbligatoria la certificazione della rete intranet da parte di un’azienda abilitata e appartenente ad un certo registro (peraltro non meglio specificato). In pratica qualsiasi azienda che disponga di un’uscita verso Internet e abbia un minimo di infrastruttura informatica a valle del Router dell’ISP deve fare i conti con questa legge.  Vengono fatte distinzioni tra un’architettura ‘semplice’, per la quale il proprietario può permettersi di fare da sé, e architettura ‘complessa’ dove invece diventa obbligatorio rivolgersi ad un’azienda abilitata.

Cosa si intende per “architettura semplice”? Si intende un’infrastruttura a valle del Router dell’ISP che sia limitata ad un massimo di 10 punti rete. In pratica un’abitazione o un piccolo studio professionale.

Tutto ciò che eccede i 10 punti è da considerare ‘complesso’. Quindi qualsiasi cosa che si intenda mettere a valle del Router perimetrale, che sia un Firewall, uno o più switch, PC, Servers, Stampanti, Access Point Wi-Fi, eccetera, deve essere contato a livello unitario e se la somma supera il valore di 10 … ecco che bisogna farsi certificare l’impianto (o farselo realizzare ex-novo)”.

Fini qui Alessandro Feltrin. Aggiungo che si tratta di una norma assurda, anacronistica, medievale, che non tiene conto del contesto economico e tecnologico, oltre che del buon senso. E’ un ulteriore freno allo sviluppo.

Qualcuno si metta in contatto con la cabina di regia di Agenda Digitale Italiana e glielo racconti!
Link utili:

http://www.camera.it/parlam/leggi/deleghe/10198dl.htm


http://www.installatoritelefonici.it/decreto-legislativo-198-26-ottobre-2010.php

http://www.consulenti-ict.it/Area-Legale/Adeguamenti-Norma-di-Legge/in-arrivo-la-nuova-norma-per-linstallazione-di-impianti-e-terminali-di-telecomunicazioni.html

 

 

 


Twitter: @pinobruno

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
luglio: 2012
L M M G V S D
« Giu   Ago »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031