Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Energia pulita: il mulino a vento di Philippe Starck (seconda parte)

Sarà costruito e commercializzato davvero il mulino a vento di Philippe Starck?  Ho cercato di approfondire. Sul sito dell’azienda italiana che dovrebbe produrlo, Pramac, non ci sono notizie. Ho cercato tra news, eventi, comunicati stampa. Nulla. Il prototipo – questo è certo – è stato presentato a Milano durante il Green Energy Design 2008. Ho trovato l’articolo dell’International Herald Tribune che ha ispirato Le Figaro e Il Corriere della Sera e la scheda che illustrava il mulino (turbina a vento) alla manifestazione milanese.

1) International Herald Tribune

Philippe Starck is tilting toward windmills

By Alice Rawsthorn

Friday, August 1, 2008

LONDON: There’s no point in arguing with Philippe Starck, because it generally goes like this: 1. The world’s most famous designer makes a well-meaning and sincere, but slightly preposterous claim. 2. You feel obliged to question the preposterous bit. 3. He comes across all hurt and boyish. 4. You feel mean.

Take Starck’s claim to have “invented a concept called Democratic Design,” which, he says, gives everyone high quality products at affordable prices. Sounds great, but didn’t the modern movement try to do that for most of the 20th century? And how can he claim to have “won the battle” by designing “a chair that sells for less than 100 Euro,” or $157, when that’s still too expensive for most people? Let alone the 90 percent of the world’s population who are too poor to afford the basics? What has Democratic Design done for them? “Oh please, I’m not God,” pleads Starck. “I’m just a designer, and I’m doing my best.”

Luckily for the underprivileged 90 percent, other designers are trying to help them. Starck is battling on another front – developing cheap, attractive, energy-saving products to “introduce everybody to ecology.” The first of his Democratic Ecology products is to be launched this fall, a miniature roof-top windmill, priced between 500 Euro and 800 Euro, which will produce up to 80 percent of a home’s energy. “Imagine a Saturday afternoon, and a guy going stupidly to the supermarket to buy a useless gadget,” enthused Starck. “He sees a really sexy object. ‘Oh my God, it’s beautiful. How much does it cost? Euro 500? That’s almost what I’d spend on a useless gadget.’ He brings the windmill home, goes to his roof and 15 minutes later he sees it turning and producing energy. Wow!”

Starck’s windmill is one of dozens of alternative energy sources to be coming on to the market, but there are sound reasons for taking his product seriously. One is that it’s deftly designed, not least because the blades are made of transparent plastic, which will be virtually invisible up on the roof. Another is that it’s designed by him, and Starck has been so successful at persuading people to buy visually seductive, but often pointless objects – plastic Louis XV chairs, gun-shaped lamps, garden gnome stools and so on – that he may well be able to do the same for something which is actually useful.

That said, it’s been a long time since the design world felt that it had to take Starck seriously. He’s a gentle giant, who bears a distinct resemblance to Desperate Dan, the mal barbu cowboy in the British comic “The Dandy.” Now 59, he rose to fame in his native France during the 1980s, when his flair for reinventing everyday objects by casting them as something else – a lemon squeezer as a lobster, and plastic chairs as ornate Louis XV ones – was hailed as a playful, and very commercial take on then-fashionable postmodernism.

Starck has since sold hundreds of thousands of his lobster-like lemon squeezers, and nearly a million of just one of his “antique” plastic chairs, Louis Ghost. For better or worse, he has also given us the designer hotel – aided and abetted by the New York hotelier Ian Schrager – and the showstopping restrooms that now pop up in every other bar. Starck cast himself as a media star by spouting his design philosophy in “franglais” soundbites, and bragging about being able to design a chair in the time it took for an aircraft seatbelt sign to go on and off. No other designer could beat him for chutzpah and bankability, but by the mid-1990s Starck was grouching about being bored by design.

Commercially, he’s still a colossus, who bags plum jobs, like the creative directorship of Richard Branson’s Virgin Galactic space venture, and is shooting a reality TV show for the BBC. But at times he seems like design’s equivalent of a dinosaur rocker. Starck’s confession this year that he was “ashamed” that “everything I designed is unnecessary” drew derisory roars in the blogosphere. Does he still feel like that? “I regret that my job is design,” he admitted. “Design stupidly produces more things, and for years I’ve spoken about the importance of living with fewer things. But my position is a little ambiguous.”

Indeed it is. To his credit, Starck was advocating environmentalism long before it became fashionable, but he hasn’t embraced it fully in his work. Nor does he seem to see the irony in rattling off a list of eco-responsible activities – organic diet, solar-powered oyster farm and so forth – ending with “the least polluting plane on the market,” his private jet. Now he’s hoping to redress the balance with Democratic Ecology.

The windmill is an encouraging start. Made from the same transparent plastic as his best-selling Louis Ghost chairs, Starck developed it and the other Democratic Ecology products in collaboration with Pramac, the Italian industrial group. The timing is propitious with oil prices rocketing and everyone from General Electric to the veteran oilman T. Boone Pickens investing in alternative energy. Lots of homes already sport metal wind turbines on their roofs, so why not transparent plastic ones?

Next up is a solar panel, a film that covers existing windows. Starck is also designing a prefabricated eco-house with glass walls that can be changed from clear or opaque at the push of a button. The prototype is being built for him and his family on the plot of their old home outside Paris.

An electric car is under development too, and an eco-moped. Starck has nearly finished work on a solar and hydrogen-powered boat, the first of which is to be delivered to Hotel Bauer in Venice next spring. “We’re seizing every opportunity to create affordable, high-technology ecology products,” he said. “It’s very, very important that they’re beautiful, because ecology should be a pleasure, not a punishment. One of the most beautiful boats in the world is the Venetian taxi, and our boat will be even more beautiful.”

2) Scheda Green Energy Design 2008

Democratic Ecology

di Philippe Starck
realizzazione Pramac

“L’ambiente è la moda del momento. Sulle copertine delle riviste, è un successo clamoroso garantito. Alla fine, perché no? Basta che il risultato finale ci aiuti a sopravvivere e a continuare l’evoluzione della nostra civilizzazione che è basata sull’intelligenza. Il primo passo ecologico è il rifiuto. Abbiamo necessità di così tanta materia? Più materia c’è, minore è l’umanità. Rifiutare è già un voto vero. È anche l’inizio della fine di un ciclo dettato dalle tendenze, direttamente responsabile dell’eccessivo consumo. Dobbiamo rivedere completamente il nostro modo di produrre e consumare. Avendo presente tutto questo, ho sviluppato, con Pramac, metodi alternativi per la produzione di energia. Il nostro scopo è di fornire, tramite una nuova tecnologia, al maggior numero possibile di persone i prodotti che ci aiuteranno a vivere meglio, per essere parte di una consapevolezza globale che ci consenta di proteggere il nostro mondo. Questo è il seguito del mio progetto politico: il design democratico che sto perseguendo da più di 30 anni. A breve, tutti potremo comprare il nostro aerogeneratore personale. Tutti saremo parte della grande immagine. Tutti saremo in grado di produrre energia”.

Turbina a vento: prototipo in policarbonato con motore integrato, tubo in metallo.
Altezza installazione: 5,2 m – Area base: 6 m x 6 m.
Dimensioni piattaforma in legno: 5,7 m x 3,5 m x h. 1 m – colore argento metallizzato.
Cubo ruotato sopra la piattaforma: altezza 4,2 m, costruito in legno – colore bianco.
Tutte le superfici sono rivestite da adesivi: testo e immagini. Illuminazione: 10 faretti invisibili montati all’interno del cubo ruotato


Forte della propria esperienza nel settore della produzione energetica ed interessata alle nuove tecnologie, Pramac è recentemente entrata anche nel campo delle energie rinnovabili, in particolare fotovoltaica ed eolica. Produrrà dal prossimo anno moduli fotovoltaici di nuova generazione, basati sulla tecnologia a “film sottile” micromorph. Questa nuova soluzione tecnologica supera i tradizionali pannelli al silicio sia in termini di efficienza che di impatto architettonico. Proprio dal desiderio di creare prodotti funzionali per la produzione di energia verde, con grande attenzione all’estetica e alla integrabilità dell’elemento tecnologico nell’ambiente, nasce il progetto in collaborazione con Philippe Starck, un avveniristico sistema microeolico che grazie alle dimensioni ridotte e al grande design è destinato a diventare un oggetto rappresentativo della ricerca del mondo contemporaneo della capacità di produrre energia pulita e rinnovabile in modo non solo eco-compatibile ma anche estetico-compatibile, una creazione che coniuga la bellezza con l’efficienza.

Twitter: @pinobruno

Pubblicato da Pino Bruno

  • Cari amici, finalmente ho una risposta per voi. E' qui:

  • Pingback: Energia pulita: il mulino a vento di Philippe Starck (terza parte)()

  • Gentile Aurelio,
    sono stupito anch'io. Sappiamo chi produrrà il "mulino", cioè Pramac. Ho scritto loro due volte, senza risposta. Spero fossero in ferie, ma oggi c'è la rentrée generale e dunque spero proprio in un riscontro.

  • aurelio

    Volonteroso pino bruno,
    mi sembra impossibile che non ci siano ancora notizie concrete sull' eolienne; chi lo commercializza, chi lo installa etc.
    Non avranno creato un muro di gomma i "signori dell'energia"?
    Aspettiamo ancora un poco e poi ci muoviamo?

  • Gentile Margherita,
    Pramac ancora non risponde. Saranno ancora in ferie. Quanto alle auto elettriche, non so molto. Ho viaggiato con una Toyota Prius ibrida (benzina/elettricità) e mi ha fatto un'ottima impressione. Peccato sia così brutta!

  • margherita

    Gentili Signori,
    vivo a Roma e come voi ho letto con grande interesse le notizie riguardo al mulino a vento. Vedo che vi siete già attivati per ottenere informazioni e quindi continuerò a seguire con interesse questo forum.
    Volevo anche domandare se qualcuno ha notizie "fresche" sulle auto elettriche. Mi ero informata già qualche anno fa per acquistarne una, ma in Italia il prezzo è ancora molto alto.
    Ho anche letto un interessante articolo che parlava della iniziativa di un privato che riesce con poca spesa a trasformare le vecchie fiat 500 in auto elettriche, ma purtroppo dette auto non possono essere immatricolate.
    Spero che qualcuno possa darmi ragguagli in merito.
    ciao a tutti e a presto.

  • Gentile Giorgio,
    sono in attesa di una risposta da Pramac. Ho scritto all'azienda che dovrebbe produrre il gioiellino di Starck e spero proprio che si facciano vivi al più presto.

  • Giorgio G

    Sto ristrutturando un casale in toscana dove sono previsti 7 appartamenti per agriturismo.
    Necessari circa30 KW. Mi piacerebbe avere notizie sull'eolico di Starck, costi ecc…
    In alternativa o in abbinamento un nuovo eolico.

  • Gentile Pierluigi, sono in attesa di risposte dall'azienda che dovrebbe produrre il "mulino di Starck". Saluti cordiali

  • Pierluigi Sapada

    Sono un antesignano dell'energia alternativa in Toscana avendo realizzato fin dal 2000 un impianto fotovoltaico di 8 KW,
    sono interssato all'eolico di Starck fatemi avere precisi dati tecnici
    saluiti tutti i nuovi amici
    a presto

  • Ciao Stefano, sono informazioni ufficiali? Caspita, rispetto alle dichiarazioni ufficiali il costo mi sembra quasi raddoppiato. Funziona come per le zucchine? Tot al campo, il doppio dal fruttivendolo… grazie per la notizia.

  • Stefano M

    L'Eolienne di Starck sarà commercializzato in autunno in tutta Europa, a un prezzo intorno ai 600-700 euro. Fino a Ottobre presumibilmente non ci saranno informazioni tecniche dettagliate, anche per non favorire la concorrenza.

  • …appena finisce la pausa estiva mi metto a caccia di notizie. Ciao Federico e grazie

  • federico

    come i signori che mi hanno preceduto ho cercato informazioni per l'acquisto e l'installazione dell'eolienne di Philip Starck-Pramac e non trovo niente. Sto ristrutturando la casa e questo sarebbe il momento giusto per inserire il sistema di risparmio energetico. Mi piacerebbe saperne di più. Grazie

  • ciao Maria. Nel punto 2 del mio secondo post su questo tema c'è una risposta parziale. Lo produrrà Pramac. I dati tecnici, purtroppo, non sono ancora disponibili. Cercherò di avere ulteriori delucidazioni quando finirà questo assurdo periodo di "tutti chiusi per ferie" (io ritengo che un paese non possa e non debba chiudere per ferie e che le vacanze vadano scaglionate….). Saluti cordiali

  • aspettavo da tanto tempo questo livello di progettazione:
    micro: ognuno può istallarlo per cominciare a ridurre la propria ecologica

    democratico: dare il proprio contributo alla graduale demolizione della concentrazione di potere legata al potere sulle fonti energetiche..con il loro portato di dominio, guerre etc….

    visivamente meno impattante di un'antenna o di una parabola

    …e addirittura bello!
    e di tendenza: stark non nuoce per far viaggiare forte questo oggetto!

    attenti al prezzo, dominatelo per diffonderlo sempre più!

    ma i dati tecnici: come si accumula el'energia? come si stabilizza? si può buttare in rete?
    come avere più dati tecnici? chi lo produce?

    NB mi occupo in mugello di educazione, istruzione, formazione anche in diirezione dell'innovazione produttiva: tra l'altro in mugello c'è un ottimo comparto di metalmeccanica di p0recisione che lavora anche per l'aereo-spaziale….

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

agosto: 2008
« Lug   Set »