Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Beatles sesso droga e rock’n’roll

Le parole delle canzoni dei Beatles hanno educato all’inglese intere generazioni di ragazzi di tutto il mondo. Molti di noi sono cresciuti a pane e All you needs is love, nutella e Magical mystery tour, mortadella e Penny lane, She loves you, Something, Strawberry field forever, eccetera eccetera eccetera. Sui testi dei Beatles sono stati scritti fiumi di parole, mari di interpretazioni, oceani di stereotipi. Gli scarafaggi sono inossidabili, si sa, e l’esegesi del testo continua. Sul blog dell’Oxford English Dictionary – la Bibbia dell’inglese arcaico e moderno – si fa leggere con piacere l’intervento della ricercatrice Beth Tovey, il cui curriculum accademico sembra di tutto rispetto.

 

Da vecchia fan del quartetto di Liverpool, Beth analizza con passione alcune parole chiave dei pezzi più conosciuti e ce ne racconta etimologia e aneddoti. Come nel caso di Lucy in the Sky with Diamonds. Anche io, come tanti, ero convinto che la canzone alludesse all’allucinogeno LSD, molto in voga negli anni Sessanta. Ebbene no, dice la ricercatrice. I Beatles si sono sempre arrabbiati per questa interpretazione. A quanto pare la canzone sarebbe stata ispirata da un disegno fatto dal figlio di John Lennon, che raffigurava l’amica Lucy, raffigurata nel cielo tappezzato di stelle e diamanti.

 

Infografica sulle parole di Abbey Road. Fonte: Voxy Blog

 

La dotta ricercatrice si addentra negli eufemismi e nelle allusioni sessuali di Happiness is a Warm Gun (White Album, 1968), bandita proprio per questo dalle trasmissioni della BBC. Inequivocabilmente fallica la “pistola calda”, e poi il coro “Bang, bang, shoot, shoot!”, laddove shoot nell’inglese vittoriano significava eiaculazione, per non parlare di “when I hold you in my arms, and I feel my finger on your trigger”, con quell’inequivocabile dito sul grilletto. Infine “I need a fix”, con fix che nello slang di quegli anni era una dose di stupefacenti. Insomma, droga, sesso e rock’n’roll, chiosa ammiccante Beth Tovey.

Vi ho dato solo un accenno del lungo intervento della studiosa dell’Oxford English Dictionary, per invogliarvi a leggerlo tutto in lingua originale. Solo se vi piacciono i Beatles, of course.

Cliccate qui.


Twitter: @pinobruno


Fatal error: Call to undefined function related_posts() in /data/vhosts/pinobruno.it/httpdocs/wp-content/themes/PinoBrunoWp/single.php on line 128