Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Addio vecchia tv il video sarà ultra e mobile

Tenete a mente questa sigla – H.265 HEVC– perché la vecchia tv statica, da salotto, sarà ancora più vecchia, l’alta definizione non vi sembrerà poi così alta e la velocità di streaming video su smartphone e tablet vi sbalordirà. Tutto grazie al codec  ITU-T H.265 / ISO / IEC 23008-2 HEVC, cioè il nuovo standard di compressione video approvato il 25 gennaio dall’organismo internazionale per le telecomunicazioni (ITU). Tranquilli, ci vorrà almeno un anno per vedere sul mercato televisori e dispositivi fissi e mobili carrozzati HEVC (High Efficiency Video Coding).  

tv

L’ITU dice che il nuovo codec è una “soluzione flessibile, affidabile e robusta, a prova di futuro, per supportare i video del prossimo decennio”. Previsione condivisibile. Il predecessore H.264 vive dalla prima edizione del 2003 all’ultima del 2012 ed è in funzione sulla stragrande maggioranza di dispositivi digitali, per veicolare le immagini in movimento.

La tv via internet

Cosa farà di così strabiliante H.265? Innanzitutto accelererà lo sviluppo della nuova generazione di smart TV, cioè la convergenza tecnologica tra il vecchio televisore, internet e il web. Apple, ad esempio, potrà finalmente realizzare il suo progetto di televisore che manderà in pensione la scatoletta Apple Tv. Finora l’idea è stata frenata proprio dalle scarse performance dello streaming.

Codec-h265

Già, perché H.265 permetterà di trasmettere in tempo reale video Full-HD con la metà dei bit oggi necessari e dunque sarà possibile lo streaming di video di qualità eccelsa anche con connessioni a banda non larghissima (per intenderci, il 3G e l’ADSL da 2 Mbps).  Inoltre il nuovo codec  metterà le basi per volare dall’HD di oggi all’Ultra-HD.

Si tratta di scenari particolarmente appetibili per chi distribuisce contenuti video sul web e deve fare i conti con i limiti delle infrastrutture di telecomunicazione e degli standard di compressione.

H.265 sarà dunque un volano per lo sviluppo dei servizi On Demand. Acuirà senz’altro il divario tra la televisione tradizionale, ancora ferma alla prima generazione del digitale terrestre e destinata al pubblico stanziale e adulto, e la nuova tivù in mobilità, da fruire a richiesta.


Twitter: @pinobruno

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
gennaio: 2013
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031