Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

La pirateria non si combatte con l’oscurantismo

Chi se lo ricorda il Sony Betamax? Nel 1975 è stato il primo sistema di videoregistrazione magnetica destinato al mercato domestico. Ebbe vita breve, perché fu presto soppiantato dallo standard VHS di JVC, di qualità inferiore ma più versatile. Ebbene, il buon vecchio Betamax è stato al centro di una delle più feroci dispute giudiziarie della storia della tecnologia. Fu in quella circostanza che si comincio a parlare di copie illegali programmi e film coperti da copyright e pirateria. Il videoregistratore era il diavolo, secondo le Major. Anzi, “lo strangolatore di Boston” dell’industria cinematografica, come affermò davanti al Congresso USA il presidente della Motion Picture Association of America (MPAA) Jack Valenti:

I say to you that the VCR is to the American film producer and the American public as the Boston strangler is to the woman home alone.

betamax

La causa cominciò nel 1976 e si concluse nel 1984, trent’anni fa, quando la Sony vinse l’ultimo grado di giudizio davanti alla Corte Suprema degli Stati Uniti. Soltanto allora il videoregistratore fu dichiarato “non colpevole” di pirateria.

(L’articolo prosegue qui, su Tom’s Hardware)

 

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
gennaio: 2014
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031