Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Intel Clear, ci vuole carattere per farsi leggere

Ogni giorno, in media, i nostri occhi sono davanti a uno schermo per nove ore. Poco importa che si tratti di telefoni, smartphone, tablet, eBook Reader, notebook, desktop e altri dispositivi fissi e mobili. È fondamentale che monitor e display ci propongano testi nitidi, stabili, non ballerini, adatti alla lettura, riposanti. Chi ormai fa caso ai font, esclusi gli addetti ai lavori (grafici, pubblicitari, eccetera)? Eppure i caratteri tipografici spesso fanno la differenzaDeterminano il successo o il fallimento di un prodotto.

intel-clear-font_t

Pensate al Mac, a quando nel 1985 Apple inventò il Desktop Publishing e sui computer Apple Lisa e Macintosh fu possibile per la prima volta realizzare prodotti grafici ed editoriali professionali direttamente sulla propria scrivania da inviare poi alla stampa offset. Non a caso Steve Jobs è stato definito il moderno Gutenberg.

Dopo Apple, nel 2007, c’è stata l’altra piccola rivoluzione: l’inchiostro digitale del Kindle. Come Jobs, anche il creatore di Amazon, Jeff Bezos, ha puntato tutto sulla qualità della lettura, in qualsiasi condizione di luce. L’affermazione del lettore di libri digitali è dovuta in gran parte alla qualità e alla leggibilità dei font adottati.

E veniamo alla scelta di Intel, che per la prima volta dopo 45 anni di vita ha deciso di creare un font da adottare in tutte le comunicazioni, a cominciare dal sito web. Intel Clear è dunque il nuovo carattere tipografico ufficiale di Intel a partire da questo mese.

Il font, dice l’azienda, rappresenta il continuo impegno di Intel per l’innovazione in tutti i settori della tecnologia, un contributo per rendere ogni esperienza più chiara possibile. Intel Clear è stato progettato per essere facile da leggere sugli schermi e utilizzato in diversi alfabeti. In questo video, davvero ben fatto, si racconta la genesi di Intel Clear:

Il vecchio carattere tipografico, racconta Intel, era disponibile solo per l’alfabeto latino e dunque l’azienda era costretta a usare font diversi per le sue comunicazioni in cinese, arabo, greco, russo, eccetera. Il nuovo font è stato sviluppato da Red Peak e Dalton Maag e progettato per migliorare l’esperienza di lettura sui dispositivi digitali.

Vi piace Intel Clear? Potete provarlo dopo averlo installato. Il link (al momento è disponibile solo la versione 1) è questo. Se poi vi intrigano le storie legate ai caratteri tipografici, vi consiglio un libro molto bello, “Il segreto della libreria sempre aperta”, scritto dall’ex manager di Twitter Robin Sloan. Un thriller ambientato nel mondo digitale ma i protagonisti sono i libri e i font.

Negli Stati Uniti è ancora un best-seller e in Italia c’è anche un videogioco per scoprirlo. Cliccate qui.

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
aprile: 2014
L M M G V S D
« Mar   Mag »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930