Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Danza nella metro di Teheran e rischia sei anni di carcere e 91 frustate

Danzare nella metropolitana (e in qualsiasi altro luogo pubblico), per di più a volto scoperto, è un reato grave in Iran. Si infrangono due leggi: nella Repubblica Islamica è proibito avere il capo scoperto e ballare in luoghi pubblici. Si rischia una condanna a sei anni di carcere e 91 frustate. Eppure questa giovane donna di Teheran lo ha fatto, e il video della performance sta facendo il giro del mondo. La qualità è pessima, ma il contenuto è straordinario.   


All’inizio del filmato, girato da altri passeggeri con un cellulare, la giovane ha ancora l’hijab, poi mentre il brano del gruppo pop britannico “Little Mix” cresce di intensità, il velo le scivola giù dalla testa. Il video è stato postato sulla pagina Facebook Stealthy Freedoms of Iranian Women, che ha oltre 700.000 “mi piace” ed è curata dalla giornalista iraniana Masij Alinejad, esule dal 2009 e rifugiata prima nel Regno Unito e poi negli Stati Uniti.

donne-in-Iran

Il video è sgranato ma per la polizia religiosa non dovrebbe essere molto difficile identificare la ragazza che balla sulla metro. Un bel coraggio davvero!

Non è la prima volta che i giovani iraniani sfidano le leggi del loro Paese con la pubblicazione di video “proibiti”. A maggio tre uomini e tre donne senza velo erano stati arrestati dopo aver postato immagini in cui ballavano insieme al ritmo della canzone ‘Happy’ di Pharrell Williams. Il video “Happy in Teheran” è stato visto su YouTube da milioni di persone. I giovani protagonisti furono condannati a sei anni di prigione, seppure con la condizionale, e a 91 frustate, pena anche questa sospesa per tre anni con la condizionale.

La giornalista Masij Alinejad ha detto al quotidiano britannico The Independent che il video della danza sulla metro è la punta dell’iceberg di un fenomeno sociale e culturale che coinvolge i giovani iraniani, che si ribellano alle leggi su abbigliamento e comportamento. È una battaglia per rivendicare il diritto al proprio stile di vita e le armi sono la danza e il canto.

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
novembre: 2014
L M M G V S D
« Ott   Dic »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930