Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Stai Visualizzando

Post taggati con ‘ carta di identità elettronica ’

Decreto del FARE, ma il Wi-Fi era già libero

Il Decreto del Fare del governo Letta-Alfano liberalizza il Wi-Fi, introduce il domicilio digitale e il Fascicolo Sanitario Elettronico. Già, ma il Wi-Fi era stato già liberalizzato il primo gennaio 2011 con l’abrogazione del Decreto Pisanu. A febbraio scorso, poi, l’Autorità garante della Protezione dei dati personali aveva confermato che gli esercenti pubblici possono mettere

Continua

Una parola al giorno: eGovernment

Una parola al giorno toglie il digital divide di torno. La parola di oggi è eGovernment.  Svecchiare la Pubblica Amministrazione, renderla efficiente e più vicina al cittadino grazie all’uso sapiente delle nuove tecnologie. È questo l’eGovernment. Processi snelli, rapidi, trasparenti, comunicazione immediata e trasversale. Forse è più facile fare un esempio di cosa non è

Continua

Agendina digitale italiana

No, non è una Moleskine, al massimo un’agendina. L’agendina digitale italiana. Non per fare a tutti i costi il bastian contrario, ma meritavamo di più. Potevamo sfruttare a nostro vantaggio l’essere latecomer, gli ultimi della classe che imparano dai più bravi, intercettare il meglio dell’Agenda digitale europea. E invece no. C’è un elenco di buoni

Continua

eGovernment: sembra facile cambiare residenza online

Ecco un’altra pillola di eGovernment all’italiana. Da mercoledì 9 maggio i cittadini potranno spedire le dichiarazioni anagrafiche, di residenza e di trasferimento all’estero, tramite posta tradizionale, via fax o con un messaggio di  Posta Elettronica Certificata. In questo modo – dice il Ministero dell’Interno – si potrà evitare di andare di persona allo sportello competente

Continua

Semplificazione: riecco il tormentone della Carta di Identità Elettronica

Puntuale come una cambiale, riecco il tormentone della Carta di Identità Elettronica. Anche il governo Monti – così come hanno fatto quelli precedenti negli ultimi tredici anni – si impegna a metterci mano. Il rilascio della CIE da parte di ogni comune italiano dovrebbe essere uno dei “punti centrali” del pacchetto sulle semplificazioni. Riusciranno Monti

Continua

Sicurezza: favorisca i documenti anzi le dita

Favorisca i documenti, anzi, favorisca le dita, oppure la Carta di Identità Elettronica (se e quando diventerà standard), il passaporto biometrico, il permesso di soggiorno digitale, la carta del tifoso. Chissà se in Italia le forze dell’ordine adotteranno il Person Identification Mini Dock (PIMD) che Panasonic ha presentato l’altro giorno a Parigi. Forse prima il

Continua

La Francia orwellizza i cittadini con RFID sulla carta di identità

Ci lamentiamo noi, ma in Francia – a volte – fanno di peggio. Con un blitz parlamentare (c’erano solo undici parlamentari in aula, sette della maggioranza di centro destra e quattro dell’opposizione), l’Assemblée nationale ha orwellizzato i cittadini. E’ passata la legge che istituisce la nuova Carta di Identità Elettronica. Conterrà due microchip. Il primo

Continua

Carta di Identità Elettronica: c’è di che essere Indignados

“Per l’ignaro cittadino italiano è difficile comprendere come mai – a distanza di ben undici anni dalla istituzione della Carta di Identità Elettronica, dopo una lunga sperimentazione, costata circa 60 milioni di euro, con la produzione di oltre 4 milioni di CIE emesse da circa 200 Comuni, che già la utilizzano per l’erogazione di molteplici

Continua

Identità digitale: in Francia ci prova La Poste

Mentre l’Italia si dibatte tra PEC, CEC-PAC, Carta di Identità Elettronica, Carta Sanitaria, documento unico si o no, la Francia sperimenta nuove strade per accertare l’identità digitale. La Poste ha lanciato Identic, un sito in cui si acquista (un euro al mese) la propria identità certificata. Le poste francesi, dopo aver registrato e identificato il

Continua

Sanità digitale referti online e la manomorta della burocrazia

Le Aziende sanitarie del servizio sanitario nazionale dovranno “adottare procedure telematiche per consentire il pagamento online delle prestazioni erogate, nonché la consegna tramite web dei referti medici”. Così parlò il governo, con il Decreto legge Sviluppo. Suggestivo, il titolo del  pacchetto di norme: “Liberazione delle imprese dalla pubblica manomorta: meno burocrazia”.  Intento nobile, ma di

Continua

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
dicembre: 2017
L M M G V S D
« Ago    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031