Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Stai Visualizzando

Post taggati con ‘ pubblica amministrazione ’

Agenda digitale: e se davvero ascoltassero i cittadini?

Ci sono già novantatré idee/proposte/sollecitazioni sul sito che il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca ha approntato per invitare i cittadini a discutere di strategia digitale in Italia. Forse mi sbaglio, ma è la prima volta che un governo italiano promuove un’iniziativa del genere. Che poi possa trattarsi di fumo negli occhi è un altro discorso.

Continua

Do you remember Italia.it? 35 milioni buttati al vento

Grazie al fustigatore principe dell’italico malcostume pubblico, Gian Antonio Stella, riemerge oggi dall’oblio uno dei simboli pluriennali dello sperpero di denaro perpetrato da governi di ogni colore: il portale Italia.it, ovvero il pomposo “sito ufficiale del turismo italiano”, che – scrive Stella sul Corriere della Sera –  è “costato nel complesso l’enormità di 35.451.355 euro,

Continua

Lezione di data journalism

Oggi Il Fatto Quotidiano ci ha dato una lezione di data journalism. Ha sguinzagliato quattro cronisti – Eduardo Di Blasi, Carlo Tecce, Davide Vecchi, Paola Maola – a caccia di open data, cioè quella miniera di informazioni che le pubbliche amministrazioni dovrebbero rendere pubbliche in ossequio alle norme sulla trasparenza. Non crediate che sia un

Continua

PEC io sono un’autarchica

Che la PEC italiana, la Posta Elettronica Certificata, fosse una cenerentola nel panorama internazionale, è cosa risaputa. Io sono un’autarchica, per parafrasare il vecchio film di Nanni Moretti. Da anni l’associazione Cittadini di Internet si batte per sottolineare l’incongruità – tutta italiana – di una scelta (peraltro obbligatoria per professionisti, imprese e pubblica amministrazione) che

Continua

Guerra Calda per la conquista della Nuvola

Dal 1957 al 1975, gli anni della Guerra Fredda, Stati Uniti e Unione Sovietica sono stati in corsa per conquistare lo Spazio. Il resto del mondo stava a guardare, e parteggiava per gli astronauti yankee o per i cosmonauti russi. Altri tempi, altri obiettivi. Oggi si corre per conquistare la Nuvola – il Cloud Computing

Continua

Semplificazioni: banda larga vo’ cercando

In quarantotto case italiane su cento manca l’accesso a Internet a banda larga (o almeno allargata), dice l’ultimo rapporto Eurostat (dicembre 2011, pagina 129). Va meglio a Cipro, Portogallo e Polonia. Nel Bel Paese delle televisioni, la rete è sempre Cenerentola. Negli ultimi vent’anni c’era da pensare ai ripetitori e alle antenne, non alla fibra ottica. Senza

Continua

Semplificazione: riecco il tormentone della Carta di Identità Elettronica

Puntuale come una cambiale, riecco il tormentone della Carta di Identità Elettronica. Anche il governo Monti – così come hanno fatto quelli precedenti negli ultimi tredici anni – si impegna a metterci mano. Il rilascio della CIE da parte di ogni comune italiano dovrebbe essere uno dei “punti centrali” del pacchetto sulle semplificazioni. Riusciranno Monti

Continua

Iscrivere il figlio a scuola con un clic non ha prezzo

E’ un piccolo passo verso l’eGovernment, un grande passo per i genitori di otto milioni di scolari e studenti, che adesso possono iscrivere i figli a scuola anche via web. Undicimila gli istituti – dalle scuole d’infanzia a quella primarie e secondarie di primo e secondo grado – già coinvolti nell’esperimento. Per cercarli è attivo

Continua

Agenda digitale: caro Monti datti una mossa scrive l’Agcom

Grande fu la delusione sotto il cielo quando, agli esordi del governo Monti, ci si rese conto dell’assenza di un ministro o di un sottosegretario (almeno) all’Agenda Digitale italiana. Ce lo si aspettava, da un ex commissario europeo. Da anni la UE spinge sull’acceleratore, e il commissario per l’Agenda digitale, Neelie Kroes, ripete –  un

Continua

L’Autorità per l’energia elettrica e il gas non sa far funzionare la PEC

Da due settimane tento di spedire una PEC (Posta Elettronica Certificata) all’Autorità per l’energia elettrica e il gas. Ogni amministrazione pubblica – dice la legge – deve dotarsi obbligatoriamente di un indirizzo PEC. Ogni messaggio di PEC ha lo stesso valore legale di una raccomandata con ricevuta di ritorno. Ebbene, la PEC spedita all’autorità garante

Continua

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
settembre: 2020
L M M G V S D
« Ago    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930