Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Droni: il gabbiano reale bionico

I robot uccello crescono e si moltiplicano. Al colibri realizzato dall’agenzia della difesa statunitense DARPA, si affianca il gabbiano reale  prodotto dalla multinazionale tedesca per le tecnologie di automazione FESTO. Si chiama SmartBird  e, a vederlo in volo, fa davvero impressione.

Il drone ha movimenti simili a quelli di un vero gabbiano reale. Decolla come un aereo, grazie al potente motore interno (a basso consumo), e poi, raggiunta la velocità di crociera, dispiega le ali, che si muovono con armonia, in su e in giù, mentre la coda funge da timone. Mai visto un oggetto volante così. Farebbe morire d’invidia Leonardo da Vinci.

L’uccello bionico è realizzato in fibra di carbonio, pesa 485 grammi, è lungo un metro e sette centimetri e ha un’apertura alare di due metri.

Altre caratteristiche tecniche:

Battery: lithium polymer accumulator, 2 cells, 7.4 V, 450 mA

Servo drive: 2x digital servo unit with 3.5 kg actuating force for control of head and tail sections. 2x digital servo units for wing torsion, with 45 degree travel in 0.03 s

Electrical power requirement: 23 W

Microcontroller: MCU LM3S811

32-bit [email protected] MHz

64 kByte flash, 8 kByte RAM

Radio transmission: 868 MHz/2.4 GHz two-way radio transmission based on ZigBee Protocol

Motor: Compact 135, brushless

Sensors: Motor positioning 3x TLE4906 Hall sensors

Accelerometer: LIS302DLH

Power management: 2x LiPo accumulator cells with ACS715 voltage and current monitoring

LED activation: TPIC 2810D

L’elettronica di bordo permette un controllo preciso ed efficace della torsione delle ali e un potente microprocessore calcola l’impostazione ottimale dei due servomotori di regolazione. Il battito e la torsione sono sincronizzati da tre sensori di Hall, che determinano la posizione del motore. La posizione dell’ala e la sua torsione sono monitorati via radio a due vie di comunicazione con protocollo ZigBee (dati sulla carica della batteria, consumo di energia, controllo da parte dell’operatore a terra).

Ovviamente lo SmartBird  è equipaggiato con video fotocamere ad alta risoluzione.

A cosa potrebbe servire? Mettendo da parte eventuali usi militari, il gabbiano reale bionico potrebbe essere impiegato dalla protezione civile, per monitorare zone altrimenti inaccessibili o pericolose. Ho pensato immediatamente alla centrale nucleare giapponese di Fukushima

Ecco lo SmartBird in volo

E in un’animazione

+

+

+


Twitter: @pinobruno

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
marzo: 2011
L M M G V S D
« Feb   Apr »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031