Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Italia.it strafalcioni e Topo Gigio

E’ una roba che non ci si credeè il commento dell’utente Frap 1964  sul blog collegato al portale turistico governativo Italia.it  – Fai due click sulla stessa regione e non carica più le immagini. Ti muovi su qualche regione (Trentino, Emilia, Marche, Umbria, Puglia) e ti seleziona la regione confinante. Ma il colpo di genio sono le due frecce di scorrimento dei mesi che occupano il medesimo spazio dei due bottoni mancanti per arrivare a 12. Ma chi ha ideato la pagina web, Topo Gigio?”. Topo Gigio o no, per quel portale nel 2004 sono stati spesi 45 milioni di euro. Altri sei milioni di euro li ha messi la ministra Michela Brambilla, per un totale di 51 milioni.

 

Il risultato? Oggi, sul Venerdì de La Repubblica, Tiziano Fusella ci fa sapere che, a dispetto dello slogan che campeggia sulla home del blog, in alto a destra – “E sapete bene come italia.it abbia un numero di click molto alti” – la posizione del sito ufficiale del turismo in Italia nella classifica degli indirizzi web più cliccati resta ancora problematica. http://www.italia.it/ è al 4562° posto tra i siti italiani e al 184594° a livello internazionale, “ben al di sotto dei portali turistici degli altri paesi”.

Tiziano Fusella rincara la dose, sottolineando “l’ errore da matita blu” sul portale, nei depliant, sulle magliette e negli stand che stanno facendo il giro d’Europa. “Qualcuno spieghi alla Brambilla che, in inglese di dice on tour. Magic Italy in tour è uno strafalcione”.

Al ministero minimizzano, aggiunge il cronista: “quello slogan si può leggere come un gioco di parole, un mix tra inglese e italiano”.

Magico paese.


Twitter: @pinobruno

Pubblicato da RG

  • “L’ utente” frap1964 sarebbe in realtà l’autore del blog Magic Italy.
    Il claim

    “E sapete bene come Italia.it” abbia un numero di click molto alti è una folgorazione di MVB.

    http://magicitaly.wordpress.com/magic-disclaimer/

    Nel commento citato non si riferiva a Italia.it, ma alla pagina web del “Destagionalizzatore” sul sito di ENIT.
    Nel 2004 non sono stati spesi 45 milioni di euro: è una leggenda metropolitana del web.
    Peraltro la gara dell’epoca Stanca è stata aggiudicata nel 2005.
    La cifra esatta spesa è a tutt’oggi ignota, ma è stato assodato che dovrebbe aggirarsi tra gli 8 e i 15 milioni di euro.
    MVB non ne ha aggiunti sei.
    Dalla una recente audizione della ministra MVB è emerso che le risorse a disposizione per il “nuovo portale”, sino al 2012 (triennio 2009-2011) ammontano a nove milioni 425mila euro. Non è dato sapere, ad oggi, quanti ne abbiano effettivamente spesi.

    http://magicitaly.wordpress.com/2011/03/29/nove-milioni-425mila-euro-sino-al-2012/

    L’errore da matita blu è stato evidenziato, in primis, da Beppe Severgnini su twitter

    http://magicitaly.wordpress.com/2011/06/14/inglesismi/

    Tiziano Fusella, sul Venerdì di Repubblica, non ha scritto nulla che già non fosse noto sul web italiano.

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
giugno: 2011
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930