Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Erasmus non vota Ponzio Pilato dixit

Gli studenti Erasmus non votano, Ponzio Pilato dixit. Il Governo si è lavato le mani e ha passato la palla al prossimo esecutivo. “Apprendiamo che procrastinare è il secondo sport più seguito dopo il calcio nel nostro paese”, commentano i ragazzi sulla pagina Facebook “Studenti italiani che non potranno votare alle prossime elezioni”, che in questi giorni ha raccolto consensi e solidarietà a destra e a manca. Tutto inutile.

ponzio_pilato

Ecco le dieci righe del comunicato stampa di Palazzo Chigi: “Il Consiglio ha valutato approfonditamente, grazie alle relazioni dei Ministri dell’interno e degli affari esteri, la possibilità di consentire agli studenti Erasmus la partecipazione al voto dall’estero per le prossime elezioni politiche, come auspicato in precedenza.  La discussione ha posto in evidenza delle difficoltà insuperabili: anzitutto di tempo e di praticabilità e, soprattutto, di costituzionalità nel selezionare unicamente gli studenti Erasmus – escludendo tutti gli altri soggetti che si trovano all’estero per ragioni di studio, ma senza una borsa Erasmus – come nuova categoria di elettori temporanei. La discrezionalità di scelta che eserciterebbe il Consiglio con questa decisione contrasta con i principi di partecipazione democratica, eguaglianza ed effettività del diritto di voto previsti dalla Costituzione. Il Consiglio ha auspicato che la prossima riforma elettorale tenga in debita considerazione le esigenze dei giovani temporaneamente all’estero per ragioni di studio e di lavoro”.

Difficoltà davvero insuperabili. E pensare che – ricorda Valerio Valentini su ByoBlu – “il cosiddetto voto per corrispondenza, in diverse forme, è previsto negli Stati Uniti, in Francia, Regno Unito, Svizzera, Germania, Olanda, Belgio, Irlanda, Spagna, Finlandia, Polonia, Svezia, Slovacchia, Estonia, Israele, Filippine e in Thailandia. In molti di questi Paesi, infatti, chi è impossibilitato a recarsi nel proprio comune di residenza può votare tramite delega, per posta, via mail o addirittura tramite sms”.

Persino dalle parti di Ponzio Pilato ieri hanno votato anche per corrispondenza…

 


Twitter: @pinobruno

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
gennaio: 2013
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031