Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Tafazzi e le iscrizioni scolastiche online

Il tormentone del giorno è l’iscrizione online obbligatoria alle prime classi di elementari, medie e superiori, con inevitabile codazzo di prefiche e moderati entusiasmi. Era già successo ai tempi del Censimento Istat, l’anno scorso. Tutti a predire sfracelli, salvo poi far finta di nulla quando si è saputo che il 33,4 per cento dei cittadini ha scelto la compilazione via Internet. Cioè gli italiani sono meno analfabeti digitali di quanto si pensi. Non che il digital divide non esista. C’è, e riguarda mezzo Paese. Siamo in coda alle statistiche europee sull’accesso alla rete. Per taluni, però, è soltanto un comodo alibi per non far nulla e crogiolarsi nel tafazzismo nazionale. Certo il Miur poteva fare di più e meglio. Il sito dedicato alle iscrizioni è spesso irraggiungibile e i picchi di accesso non giustificano i disservizi. Bastava predisporre server più potenti.   

Tafazzi

Ieri fino alle sette di sera sono state inserite 23.179 domande e il sito ha avuto 1.529.936 accessi. Il Codacons ricorda che “nel 2011 solo il 56,8 per cento delle famiglie italiane ha un personal computer” e che il vantaggio economico di gestire obbligatoriamente on line tutte le pratiche è poi vanificato dal lavoro aggiuntivo delle segreterie delle scuole che devono rendersi disponibili a supportare chi non ha gli strumenti e le competenze necessarie”.

C’è poi l’Associazione Nazionale per Operatori e Responsabili della Conservazione digitale dei documenti (Anorc) che sottolinea alcune criticità del sistema per le iscrizioni online:  ”non fornisce adeguate garanzie circa la validità della conservazione dei documenti digitali relativi né della corretta gestione di informazioni sensibili che sono contenute in questi documenti” . Le domande online ricevute dalle scuole di destinazione  – dice l’Anorc – “a quanto è dato di capire sono del tutto prive una disciplina della conservazione digitale a norma di tali documenti informatici, alcuni contenenti anche dati sensibili, per esempio per gli alunni affetti da handicap o patologie, o ancora inerenti la scelta di avvalersi dell’insegnamento della religione cattolica”.

Non sono dubbi da ignorare. Vanno approfonditi, senza però gettar via il bambino con l’acqua sporca. Sono ottimista come Caterina Policaro, docente di lungo corso e profonda conoscitrice del mondo digitale: “A me sembra un servizio ottimo, dedicato a una fetta molto ampia di popolazione, democratico, che non crea divisioni, che obbliga le famiglie e la scuola a confrontarsi con la rete, i servizi online per il cittadino, che fa risparmiare carta, tempo eccetera”.

La prof Policaro ha scritto un post approfondito sulle iscrizioni online, con una pregevole guida per l’uso. Deponete per un attimo la bottiglia di Tafazzi e approfittatene.

PS. Ultim’ora: “Il sistema sta funzionando bene. Ma in questi giorni c’e’ stata una fretta che non ha motivazione
perché’, non e’ che ‘chi primo arriva meglio alloggia’”. Cosi’ il ministro dell’Istruzione Francesco Profumo. “Nei prossimi giorni – ha aggiunto Profumo- sono certo che il numero di persone che vorranno accedere sara’ più’ regolare, senza
picchi e quindi la situazione si normalizzerà'”. In ogni modo fanno sapere dal ministero, il dicastero sta predisponendo un gruppo di intervento tecnico di supporto ai server per fronteggiare i picchi di accesso ed eventuali criticità’. Il problema, spiegano le stesse fonti non e’ tanto nei server quanto nell’accesso ai database e per questo gli esperti Oracle stanno cercando una soluzione. Un secondo intervento che si sta attivando è quello di potenziare la memoria web. Infine, spiegano i tecnici di viale Trastevere, l’accesso contemporaneo attraverso versioni Explorer molto vecchie ha affaticato il sistema più del prevedibile.


Twitter: @pinobruno

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
gennaio: 2013
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031