Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Turchia, se Twitter fa paura al potere

Il cosiddetto Twitter è una minaccia, che finora ha causato problemi perché è pieno di menzogne“. Così il premier turco Recep Tayyip Erdogan, che da venerdì sta affrontando una delle più gravi crisi del suo governo, per la sollevazione popolare che da Istanbul si è allargata al resto del Paese. “Twitter è una nuova minaccia per la società, una cancrena della disinformazione, una catastrofe”, ha aggiunto Erdogan. Il perché è presto detto. Gran parte dell’informazione ufficiale – tv e stampa – è controllata dall’esecutivo, mentre le notizie sulla protesta e sulle violenze della polizia circolano sui social network. Controinformazione, cioè la bestia nera del potere. Che lì, in Turchia, ci va giù pesante nei confronti dei giornalisti che osano sfidarlo.

Istanbul: con la chitarra contro i blindati (photo: Kemal Aslan)

Nel suo ultimo “Rapporto sulla Libertà di stampa”, Reporters sans frontières colloca la Turchia al 154° posto (su 179): “La democrazia turca – scrive RSF – è oggi la più grande prigione del mondo per i giornalisti”. Settantadue operatori dei media sono finiti in carcere a causa della loro attività professionale.

Reporters sans frontières, rapporto sulla libertà di stampa in Turchia

Reporters sans frontières, rapporto sulla libertà di stampa in Turchia

La rete, poi, è sempre stata nel mirino delle autorità turche. Già nel 2011 c’era stata una mobilitazione di piazza contro l’adozione di strumenti per filtrare l’accesso a Internet, dopo il varo della Information Technology Authority (ICTA). In quella occasione il premier Erdogan ce l’aveva soprattutto con Facebook:” una tecnologia cattiva. Le pagine di Facebook sono ripugnanti e orrende”. E prima ancora, nel 2008, le autorità turche avevano messo al bando più di ottocento siti e blog, compreso YouTube.

Do not touch my Internet

Do not touch my Internet

E’ una ulteriore conferma: i social network – se usati con saggezza e sapienza – sono strumento di democrazia e controinformazione. Altro che Far West.


Twitter: @pinobruno

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
giugno: 2013
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930