Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Banda larga: il trio della fibra ottica diventa quartetto

I cittadini del quartiere Prati di Roma chiamano il call center di Telecom Italia, per chiedere di essere connessi alla mega-rete a fibra ottica da 100 Megabit per secondo e si sentono rispondere “non ne sappiamo nulla”. E’ successo ad alcuni amici che abitano lì. Nel frattempo, in un altro quartiere romano – collina Fleming – sta per partire la sperimentazione della mega-rete alternativa, quella che sarà realizzata da Wind, Fastweb e Vodafone, a cui si è aggiunta oggi anche Tiscali.

Non c'è bisogno di una guerra tra gli operatori combattuta a colpi di fibra ottica

Il trio diventa quartetto, anche se – affinché la banda suoni la musica che piace agli italiani – Telecom dovrebbe smetterla di fare la riottosa. Il governo e l’Agcom dovrebbero costringere l’ex monopolista, che fa il giapponese nella giungla,  a giocare la stessa partita. Non ha senso che ognuno scavi per i fatti suoi i cunicoli per infilare la fibra. Alla fine ci saranno zone ipercollegate – quelle più appetibili per il mercato – e zone condannate all’eterno doppino di rame.

D’altronde in Europa l’aria tira in quella direzione. Proprio ieri la Commissaria europea alle telecomunicazioni, Neelie Kroes, ha approvato la decisione dell’Authority britannica Ofcom, che ha obbligato British Telecom ad aprire la sua rete in fibra agli altri operatori con un accesso virtuale (virtual unbundlig).

Fibra ottica

Un primo passo – temporaneo, sottolinea la Commissaria – perché “l’unbundling fisico deve essere imposto il prima possibile”.

E’ la prima volta che un’Authority interviene così pesantemente per risolvere il problema dell’accesso all’infrastruttura in fibra. E se Agcom prendesse lezioni da Ofcom? Le mega-reti in fibra ottica costerebbero meno allo Stato e ai consumatori.

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
giugno: 2010
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930