Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Apple: i bug non fermano le vendite record di nuovi iPhone

Nove milioni di nuovi iPhone venduti durante il fine settimana. Davvero un colpaccio, per Apple. Eppure i nuovi smartphone e il sistema operativo iOS 7 sembrano affetti da una sequela di bug davvero impressionante. Non è questione di filo-Mela e anti-Mela. iOS 7 sembra proprio un colabrodo. Né può essere addotta come giustificazione la giovane età del sistema: dalla presentazione di giugno al rilascio di settembre sono passati tre mesi, fitti di versioni beta e test. È vero che nessun sistema operativo è esente da errori e che le aziende rilasciano abbastanza in fretta le patch di correzione, ma qui non si tratta di bug secondari.

In pochi giorni sono state segnalate un’ottantina di falle di sicurezza anche molto serie. Oggi si è aggiunta quella sulla lockscreen, che permette a chiunque di telefonare a nostre spese anche se il cellulare è bloccato. Persino la tecnologia di riconoscimento dell’impronta digitale TouchID, introdotta con iPhone 5S, è stata ridicolizzata dall’hacker Starbug. L’ostacolo è stato aggirato con la foto di un “falso dito” e lo smartphone è stato sbloccato, come si vede nel video diffuso dal Chaos Computer Club (CCC):

Nessun accanimento dunque. È nostro dovere sottolineare i piedi di argilla del colosso di Cupertino. Un approccio che inficia gli indiscutibili successi commerciali della multinazionale, nonostante la sua storia recente sia stata costellata di clamorosi incidenti di percorso.

Come si può dimenticare l’AntennaGate?. Dopo due anni e 18 vertenze giudiziarie, i consumatori statunitensi ottennero un rimborso di 15 dollari o una nuova custodia, per compensare i limiti dell’antenna.

Certo, un bug si corregge con una patch software. Basta un download. Per sostituire un pezzo difettoso, invece, bisogna ritirare dal mercato milioni di smartphone. Tre anni fa Apple perse la faccia ma se la cavò con una custodia. Allora però c’era Steve Jobs a parare i colpi con il suo carisma e una buona dose di  arroganza.

Aspettiamo dunque le pezze per tappare le falle di iOS 7, e poi speriamo che venga smentita la notizia riportata da RepubblicaiMessage, il sistema di messaggistica del mondo Apple utilizzato per l’invio di oltre un miliardo di messaggi giornalieri, non sarebbe inviolabile.

La multinazionale comunque va avanti come un treno: “E’ il nostro migliore lancio finora, un nuovo record per il primo weekend di vendite”, superando i 5 milioni del debutto dell’iPhone 5, ha detto l’amministratore delegato Tim Cook, sottolineando che “la domanda è stata incredibile”.

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
settembre: 2013
L M M G V S D
« Ago   Ott »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30