Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Cyber China, dedicato ai netizen cinesi che combattono nel cyberspazio

Sei un geek in cerca di un buon libro da mettere in valigia? Quello adatto è senz’altro  “Cyber China” di Qiu Xiaolong, edito in Italia da Marsilio (315 pagine, 15 euro9,99 in formato Kindle). Un buon thriller, che tiene il lettore sulla corda dalla prima all’ultima pagina, e poi una buona chiave di lettura della complessa realtà sociale, politica e tecnologica cinese. Non a caso l’autore dedica il romanzo “ai netizen cinesi che, impossibilitati a farlo altrove, combattono nel cyberspazio per il loro diritto di cittadinanzanonostante il controllo delle autorità“.

cyber-china

D’altronde Qiu Xiaolong sa bene di cosa scrive: è nato a Shanghai e dal 1989 vive negli Stati Uniti, dove insegna letteratura cinese alla Washington University di Saint Louis.

Il plot narrativo è quello classico dei noir, solo che in Cina gli investigatori della Polizia devono rendere conto all’onnipresente Partito. Soprattutto se le indagini riguardano alti dirigenti pubblici e politici corrotti. Come spesso accade agli autori più accorti, le vicende poliziesche sono un pretesto per andare a fondo nei problemi della società.

Cyber China è ambientato a Shanghai

Cyber China è ambientato a Shanghai

In questo caso è il racconto di un popolo a cui la rete è concessa ma sotto l’occhio vigile della censura, che inibisce l’accesso a pagine e siti non congeniali al potere. Nonostante tutto, i cittadini sfruttano tutti i trucchi dei navigatori esperti per sottrarsi ai controlli, informare, informarsi: “Le autorità – scrive l’autore – volevano presentare l’immagine di una società armoniosa e non permettevano notizie o commenti negativi. Anche Peiquin, come un numero sempre crescente di persone, sapeva ormai di non avere altra scelta: le notizie doveva cercarsele online”.

Un libro da non perdere, che forse più di un saggio aiuta a comprendere la Cina di oggi: un paese ambivalente sballottato tra modernità e arcaicità in cui, senza badare troppo ai diritti dei lavoratori, si produce gran parte dei nostri gadget digitali.

Cyber China (libro di carta)

Cyber China (Formato Kindle)

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
agosto: 2014
L M M G V S D
« Lug   Set »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031