Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Stai Visualizzando

Post taggati con ‘ diritto all’informazione ’

Stampa clandestina: blogger condannato in appello

In Sicilia “non accadde più” (terza parte). Sembra una storia d’altri tempi, da Porto delle nebbie. Negli ultimi trent’anni, infatti, mai nessuno è stato condannato per il reato di Stampa Clandestina, residuato semi bellico, legge del 1948 che rimanda a censure e bavagli da regime. Eppure accade oggi. Anzi, riaccade. Al giornalista e blogger Carlo

Continua

Giornalismi: le fonti vanno tutelate

Le fonti dei giornalisti vanno tutelate. Così ha sentenziato il 5 maggio scorso la Corte di appello di Bordeaux. I giudici di secondo grado hanno detto che il pubblico ministero di Nanterre Philippe Courroye è andato al di là della legge, quando ha permesso alla polizia di esaminare i tabulati telefonici di due giornalisti di

Continua

Gli hacker Prometeo e Robin Hood di Giovanni Ziccardi

Dalla mitologia greca alla foresta di Sherwood, alla resistenza digitale, alla controinformazione. Rubare ai ricchi per donare ai poveri, oppure – come recitava uno slogan del maggio francese – ribellarsi è giusto, ribellarsi è possibile. Sono gli Hacker raccontati da Giovanni Ziccardi nel suo saggio per Marsilio a raccogliere il testimone di Prometeo, Robin Hood

Continua

Media Cloud: la nuvola che porta alle fonti del giornalismo

Una nuvola di parole campeggia sulla home di Media Cloud. Parole sensibili al tocco del mouse. Sono le parole più ricorrenti sui più importanti media in lingua inglese. Clicco su Gaddafi e appare una finestra che mostra, in percentuale, quante volte la parola Gaddafi è stata citata durante la settimana appena trascorsa. Un’altra finestra, a

Continua

Rete sotto assedio: censure americane a Mozilla Firefox

Mozilla Foundation ha risposto per le rime al Ministero statunitense per gli Interni (Homeland Security, DHS), che ha chiesto di rimuovere il componente aggiuntivo MafiaaFire dal catalogo del browser Firefox. Cosa fa MafiaaFire? Permette agli utenti di raggiungere comunque, su indirizzi alternativi, siti oscurati dalle autorità americane. Wikileaks, ad esempio, che gli Usa vedono come

Continua

Italy Press Freedom Status: Partly Free

Non è una scheda lusinghiera, quella dedicata all’Italia nel rapporto Freedom on the Net 2011, che analizza lo stato dell’arte della libertà di espressione in rete. Freedom House è un istituto indipendente di ricerca, finanziato prevalentemente con fondi del governo degli Stati Uniti. Ebbene, nel nostro paese, l’Internet Freedom Status è “free”, ma il Press

Continua

Gran Bretagna: il copia incolla svela segreti dei sommergibili nucleari

Altro che Yellow Submarine. La realtà supera la fantasia, e lo sgangherato sommergibile giallo dei Beatles somiglia sempre più ai veri battelli nucleari della flotta subacquea di Sua Maestà britannica. All’inizio di aprile, a bordo dell’HMS Astute, un ufficiale superiore è stato ucciso per errore da un marinaio. L’altro giorno alcuni segreti militari sulle prerogative

Continua

Giornalismi: le voci globali di Global Voices Online

Al Festival di giornalismo di Perugia c’era di tutto, com’è giusto accada in una kermesse così variegata e fitta di appuntamenti. Molte star e molti tromboni nostrani del video, della radio e della carta stampata. Prevaleva, per nostra fortuna, la presenza delle leve del nuovo giornalismo, giovani entusiasti e ben strutturati, anche se ancora svantaggiati

Continua

Wikileaks deve essere glocal

Wikileaks è uno dei protagonisti, quest’anno, del Festival internazionale del giornalismo di Perugia. Non poteva essere diversamente. E’ stato un positivo tsunami, per l’informazione. Ne ho parlato anch’io, oggi, insieme con Matteo Flora, Carlo Gubitosa e Giorgio Scura (uno dei due giornalisti italiani che hanno intervistato Julian Assange). Tema del panel: Il metodo Wikileaks applicato

Continua

Egitto: blogger in carcere

Non è indolore, per chi fa informazione, la transizione verso la democrazia dopo la rivolta popolare in Egitto. “Colpevole” di aver criticato le forze armate in un post, il blogger Maikel Nabil Sanad è stato arrestato dalla polizia militare. “Come ci si può fidare di un’istituzione che promette una transizione democratica con la partecipazione della

Continua

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
ottobre: 2019
L M M G V S D
« Ago    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031