Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Egitto: i vecchi modem a 56k per aiutare la resistenza digitale

Come vi ho già raccontato, il regime egiziano ha chiuso il rubinetto a internet e alla rete di telefonia mobile, che da venerdì scorso funzionano male e a singhiozzo. Lo ha fatto per impedire che la resistenza si organizzi sui network digitali. Paradossalmente, il digital divide  che opprime gran parte del paese nordafricano potrebbe essere il tallone d’Achille della macchina repressiva. Da Parigi il French Data Network ha messo a disposizione dei giovani egiziani una linea telefonica dedicata per connettersi a internet,  sia pure a banda stretta, utilizzano i vecchi modem analogici a 56k.

Le armi della resistenza egiziana: un vecchio modem analogico

Mubarak e complici hanno tagliato l’accesso nazionale alla rete chiudendo il sistema DNS (Domain Name System) e il protocollo BGP ( Border Gateway Protocol ), che servono per instradare i pacchetti di dati sul territorio egiziano. Impossibile, però, intervenire al di fuori dei confini. Ecco dunque la proposta del network libertario francese:  

un numero di telefono dedicato +33 1 72 89 01 50 

login: toto; password: toto

Nelle case e negli uffici egiziani ci sono ancora molti modem analogici. E’ il caso di rispolverarli, per continuare a resistere. Se avete amici in Egitto, fate girare la notizia…

Quando le autostrade sono bloccate, meglio prendere le strade secondarie.


Twitter: @pinobruno

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
gennaio: 2011
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31