Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Bradley Manning 1000 giorni in carcere senza processo

Sabato 23 febbraio saranno mille giorni che il soldato Bradley Manning avrà passato in prigione senza processo. Carcerazione preventiva. Manning è accusato dalla giustizia degli Stati Uniti di “collusione con il nemico”, diffusione di segreti militari”, “pubblicazione di informazioni riservate su Internet, pur consapevole di renderle accessibili al nemico” e “frode e violazione delle normative militari”. Il soldato rischia il carcere a vita o, addirittura, la pena di morte, perché sospettato di aver consegnato a Wikileaks informazioni coperte dal segreto militare.

Bradley-Manning

Quali informazioni? L’analista informatico in Iraq per il Sensitive Compartmented Information Facility dell’esercito degli Stati Uniti ha passato a Wikileaks un video che poi ha fatto il giro del mondo. Il filmato documenta l’assassinio del giornalista della Reuters  Namir Noor-Eldeen e del suo autista Saeed Chmagh. A Baghdad è il 12 luglio del 2007. A sparare è l’equipaggio di un elicottero Apache, i cui mitraglieri si accaniscono anche con adulti e bambini che tentano di soccorrere i feriti. Si trattava di ribelli e, comunque, si è trattato di un incidente collaterale, hanno sempre sostenuto gli americani. Non Bradley Manning, che per questo è accusato di connivenza con il nemico.

 

L’avvocato di Bradley Manning, David Coombs, sostiene che il Governo degli Stati Uniti abbia violato e continui a violare il diritto costituzionale del suo assistito a un processo rapido. Nel novembre 2011 cinquanta parlamentari europei avevano sottoscritto una lettera aperta indirizzata al Presidente Obama e alle più alte cariche del governo americano per denunciare un trattamento illegale e “viziato da evidenti conflitti di interesse”.

Nessuno ha mai risposto.

Sabato 23 febbraio sono previste manifestazioni di protesta in tutto il mondo.

Per i particolari c’è il sito dei sostenitori di Bradley Manning, “an american hero”.


Twitter: @pinobruno

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
febbraio: 2013
L M M G V S D
« Gen   Mar »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728