Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Apple: Macintosh da museo

Alla Città del Libro di Campi Salentina, che si è chiusa oggi, c’era un bel pezzo da museo, in esposizione. Il primo Macintosh, commercializzato da Apple nel 1984, sotto teca di vetro, custodito nel Museo della Stampa di Martano. L’oggetto sembrava incuriosire soprattutto i ragazzi, i nativi digitali, che leggevano increduli la didascalia (peccato quel refuso con un’acca in più): 128k.

Macintosh 128k (foto scattata con iPhone 4, senza flash)

Eccola tutta, la didascalia:

“ Macintosh 128k. Distribuito in un case di colore beige, fu progettato come un computer autosufficiente. Questo modello di Macintosh non era espandibile. Era previsto come un dispositivo autosufficiente e completo, alla stregua di un qualsiasi elettrodomestico, come un aspirapolvere o un televisore. Era fornito di 128 Kbyte di memoria RAM, quando lo standard erano 64 Kbyte, aveva quindi una memoria doppia rispetto agli altri computer, Era dotato di connettori solo per collegare il mouse, la stampante (prima ImageWriter e in seguito LaserWriter), il modem, il floppy disk esterno e un altoparlante monofonico, tastiera del Mac. Tutte le periferiche utilizzavano connettori proprietari e diversi, il che impediva all’utente di sbagliare i collegamenti ma nello stesso tempo lo legava ai prodotti Apple, almeno nella fase iniziale (accenni di questa tattica sono ritrovabili anche in molti prodotti successivi. Il Macintosh non era dotato di ventola di raffreddamento ed era quindi un computer molto silenzioso. Steve Jobs era il principale sostenitore del computer senza ventola, infatti i primi modelli di Macintosh ne erano sprovvisti. La mancanza della ventola di raffreddamento però provocò danni a numerosi computer e quando Jobs venne estromesso da Apple, gli ingegneri finalmente poterono inserire la ventola nei case, in modo da ridurre la ‘mortalità’ dei computer per surriscaldamento”.

La didascalia del Macintosh (con un'acca in più)

Scheda tecnica
Introduzione 24 gennaio 1984
Dismissione 1 ottobre 1985
Costo 2495 dollari Usa
CPU 68000
Frequenza CPU 8 MHz
Bus 8 MHz
RAM 128 Kb
Video 9” monocromatico 512 x 384
Audio Uscita audio a 8 bit
Porte Seriale
Floppy Disk 400 KB
Consumo 60 Watt
Peso 7,5 Kg
Dimensione A L P 34.5 x 24,4 x 27,2 cm
Sistema Operativo Macintosh System Software


Twitter: @pinobruno

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
novembre: 2010
L M M G V S D
« Ott   Dic »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930