Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Il test Misura Internet è più veloce e funzionale

Dimmi quant’è larga la banda (Adsl) che mi dai, così so se corrisponde a quella che ti pago. Da novembre a oggi il sistema certificato per misurare l’ampiezza di banda erogata dagli internet provider si è finalmente evoluto. Non è più bruco ed è quasi farfalla. C’è un nuovo Misura Internet, messo a disposizione dall’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni.

La versione 1.2 di Ne.Me.Sys (così si chiama il software), con nuova interfaccia grafica e più facile da utilizzare, si può scaricare qui. Cosa cambia? Tutto! Il test è più veloce (ciascuna delle 24 misurazioni previste non durerà più di 15 minuti) e adesso si può fare la certificazione parziale dei risultati del test. Cioè, se il software accerta –  prima della conclusione del test completo –  la violazione di uno degli impegni contrattuali dell’operatore, sarà immediatamente reso disponibile il report pdf che certifica la qualità della linea rispetto alla misura testata. L’utente potrà comunque decidere se proseguire o meno con le misurazioni,  per ottenere il certificato completo per tutti gli indicatori.

Finora la farraginosità e la lunghezza della procedura hanno tenuto gli utenti alla larga dalle misurazioni. Ci volevano giorni e giorni per completarla. Così, da novembre a oggi, soltanto tremila sono arrivati al traguardo, rispetto ai 39mila utenti che si sono registrati.

Misura Internet – lo ricordiamo – “permette di verificare che i valori misurati sulla singola linea telefonica siano rispondenti a quelli dichiarati e promessi dagli operatori nell’offerta contrattuale da loro sottoscritta.  Nel caso in cui l’utente rilevi valori peggiori rispetto a quanto garantito dall’operatore, il risultato di tale misura costituisce prova di inadempienza contrattuale e può essere utilizzato, come strumento di tutela al fine proporre un reclamo per richiedere il ripristino degli standard minimi garantiti e ove non vengano ristabiliti i livelli di qualità contrattuali, il recesso senza penali”.

Insomma, un test anti-fregatura.


Twitter: @pinobruno

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
giugno: 2011
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930