Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

“L’occhio del Male” a Parigi, pensando a Charlie Hebdo

Andrebbe letto (o riletto) adesso, mentre a Parigi è caccia ai responsabili dell’eccidio di Charlie Hebdo. Lo scrittore svedese Björn Larsson ha scritto “L’occhio del Male” nel 1999 (in Italia è stato pubblicato nel 2002 da Iperborea). Un bellissimo libro, maledettamente attuale, “che avrei preferito non scrivere”, dice Larsson in un suo commento su Facebook.

Continua

Una bella barba rifà (anche) una brutta faccia

“Le idee migliori mi vengono al mattino mentre mi faccio la barba. Da ciò deduco che gli uomini con la barba non possono avere buone idee“, diceva il premio Nobel Dennis Gabor, inventore dell’olografia. Eccessivo? Forse, ma agli scienziati può essere concesso. E, comunque, questo è un post per soli uomini. Anzi, a pensarci meglio,

Continua

La libera informazione si uccide anche con la nuova legge sulla diffamazione

Cancellare le voci dissonanti dell’informazione. Qualcuno lo fa uccidendo giornalisti e vignettisti satirici, altri introducendo norme liberticide. Come la nuova legge sulla diffamazione. Doveva essere una riforma della legge sulla stampa che eliminando la pena del carcere per i giornalisti, liberava l’informazione dal rischio di sanzioni sproporzionate, a tutela dei diritti fondamentali di cronaca e

Continua

Alan Turing, omaggio (troppo) postumo allo scienziato ucciso perchè gay

Meglio “Enigma” di Michael Apted (2001), con Dougray Scott che interpreta Alan Turing (alias Tom Jericho), oppure “The Imitation Game” di Morten Tyldum (2014), dove è Benedict Cumberbatch a indossare i panni dello scienziato britannico costretto dal governo di Sua Maestà a suicidarsi perché omosessuale? È decisamente più bello il film in programmazione in questi

Continua

Facebook, occhio ai video con le donnine nude. È pericoloso!

Dagli all’untore digitale! Anno nuovo, malware vecchi o riciclati girano vorticosamente su Facebook. Se vi è già capitato di ricevere un messaggio privato con un video allegato, che promette scene licenziose con donnine nude, non cliccate sul link. Vi porterebbe guai sotto forma di codice maligno.

Continua

Addio CEC-PAC, mail autarchica non ci mancherai

“Posta Eccentrica e Cabalistica”, si diceva nel 2010, quando il ministro per la Pubblica Amministrazione Renato Brunetta decise di dare il via alla faraonica impresa del servizio di Posta Elettronica Certificata CEC-PAC. Un obbrobrio tecnologico e semantico: “Comunicazione Elettronica Certificata tra Pubblica Amministrazione e Cittadino”.

Continua

Quant’è triste l’Italia che si informa poco e male raccontata dal Censis

Già venticinque anni fa (e il web non c’era) gli italiani leggevano pochi quotidiani: sette milioni di copie giornaliere. Cifre da terzo mondo. Oggi siamo scesi a quattro milioni. Cifre da quarto mondo. Certo, oggi c’è Internet, ci sono i siti dei giornali tradizionali e quelli esclusivamente digitali, ma non è soltanto questo. Le cifre

Continua

Cavolate su Facebook, a volte ritornano, anche quelle più vecchie e stupide

Su Facebook, si sa, le catene di Sant’Antonio si sprecano. A volte ritornano, anche quelle più vecchie. Bufale d’annata, che però continuano a far (brutta) mostra di sé sulle bacheche personali. È quel viziaccio di copiare e incollare senza pensarci su, senza fare uno straccio di verifica delle fonti. Così ci si rende complici inconsapevoli

Continua

Facebook, non copiate e incollate quel messaggio per creduloni

Numerosi utenti di Facebook in questi giorni stanno copiando e incollando sulle proprie bacheche l’ennesimo messaggio-bufala che, nelle intenzioni, dovrebbe indurre il social network ad un trattamento personalizzato delle condizioni d’uso. Come è già successo molte volte, si tratta di una inutile catena di Sant’Antonio, generata da buontemponi nullafacenti. Le norme imposte da Facebook, che si devono accettare per far

Continua

Danza nella metro di Teheran e rischia sei anni di carcere e 91 frustate

Danzare nella metropolitana (e in qualsiasi altro luogo pubblico), per di più a volto scoperto, è un reato grave in Iran. Si infrangono due leggi: nella Repubblica Islamica è proibito avere il capo scoperto e ballare in luoghi pubblici. Si rischia una condanna a sei anni di carcere e 91 frustate. Eppure questa giovane donna

Continua

Paypal rimborsa le spese per restituire i prodotti acquistati online

Lo shopping online è comodo, ma se si deve restituire un prodotto perché le caratteristiche non sono quelle dichiarate o comunque se si vuole esercitare il diritto di recesso, chi paga le spese per spedire il reso? Nella maggioranza dei casi deve farsene carico l’acquirente, ma se si paga con Paypal ci pensa la piattaforma

Continua

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
marzo: 2019
L M M G V S D
« Ago    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031