Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Sciovinismo linguistico: i cinesi non hanno fatto altro che imitare i francesi

Una volta tanto i cinesi non l’hanno fatta grossa. Hanno soltanto imitato i francesi, maestri di ogni tipo di autarchia sciovinista. La decisione del governo cinese di proibire parole e abbreviazioni in inglese “per salvaguardare la purezza” della lingua locale, mi ha fatto tornare in mente il film “La chinoise” di Jean Luc Godard (1967). Lì erano i francesi che imitavano i cinesi.

Calligrafi d'acqua a Pechino (photographer Pino Bruno) cliccare per ingrandire

Quando Pechino dice che ”le parole straniere mischiate con quelle cinesi danneggiano gravemente la purezza della lingua cinese e turbano l’altrimenti sano e armonioso ambiente culturale”, non fanno altro che scimmiottare la Commission générale de terminologie et de néologie  che, in applicazione del  decreto N°96602 del 3 luglio 1996, sovrintende alla purezza della lingua francese.

Cosa fa la Commission? Esamina ogni singola parola straniera e ne propone la versione francese. Con risultati spesso esilaranti. Ai francesi è proibito scrivere computer, mouse, rete, software. E’ obbilgatorio usare, in loro vece, ordinateur, souris, toil, logiciel…

Calligrafi d'acqua a Pechino (photographer Pino Bruno) cliccare per ingrandire

Cosa fanno i cinesi? ‘vietano “di introdurre termini stranieri come parole o abbreviazioni in inglese nelle pubblicazioni in cinese e di creare dei termini che non sono ne’cinesi ne’ stranieri e il cui significato non è chiaro”.

Poichè i social network come Twitter, Facebook e Youtube in Cina sono proibiti, gli strumenti più usati dai navigatori cinesi sono i ”microblog”, sostituti locali di Twitter, sui quali le espressioni in ”chinglish” sono all’ ordine del giorno.

Calligrafi d'acqua a Pechino (photographer Pino Bruno) cliccare per ingrandire

Certo, i cinesi censurano il web e reprimono brutalmente il dissenso. In questo sono differenti dai francesi, che – comunque , a proposito di internet – hanno introdotto nel loro ordinamento una legge liberticida come l’Hadopi.

I cinesi non sono certo un esempio di democrazia, ma – almeno per quel che riguarda la difesa della loro lingua – non sono poi così diversi dagli europeissimi e occidentali cugini d’oltralpe.

(Fonte: Ansa)

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
dicembre: 2010
L M M G V S D
« Nov   Gen »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031